×
Info legali

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di 'cookie'. Queste informazioni, che potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il tuo dispositivo internet (computer, tablet o dispositivo mobile), sono principalmente utilizzate per far funzionare il sito come ti aspetti. Puoi trovare ulteriori informazioni su come utilizziamo i cookie su questo sito e impedire l'impostazione di cookie non essenziali, facendo clic sulle varie categorie di seguito. Tuttavia, se lo fai, potrebbe influire sulla tua esperienza del sito e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Leggi la nostra Privacy

Casco in carbonio o in fibra?

By: Stefano Cariani In: Caschi Integrali On: Comment: 0 Hit: 299

Sono tante le opinioni sulla scelta del casco in carbonio o in fibra.

Per questo motivo infatti, il momento della “scelta del casco” è sempre molto delicato per un motociclista. 

La prima distinzione da fare è rappresentata dalle calotte in fibra di vetro e in fibra composita di alta qualità (kevlar, vetro, carbonio, aramidiche, dyneema ecc.) 

I caschi con calotta esterna, realizzata in fibra di vetro presentano già buone caratteristiche a livello di assorbimento della forza d’impatto e un peso contenuto.

I caschi con calotta realizzata in fibre composite hanno una miglior capacità di distribuzione della forza d’urto, in quanto mix di diversi materiali rendono il prodotto più resistente ed elastico.

X-Lite-X-803-Carbon

Il carbonio è il tessuto più nobile tra quelli utilizzati nello stampaggio delle calotte ed è il più costoso. 

Dotato di una grande capacità di resistenza, quando però viene impregnato di resina diventa molto rigido. 

Ha un’ eccellente capacità di resistenza alle rotture, ma una volta superato il limite di resistenza si spezza sino a frantumarsi. 

Per questo il carbonio non viene mai utilizzato da solo, ma sempre accompagnato da una fibra o da più fibre aramidiche.

Le fibre aramidiche infatti sono praticamente impossibili da rompere anche se sottoposte a forze molto elevate, ecco perché sono le migliori per lo stampaggio della calotta, in quanto anche dopo essere state amalgamate e solidificate grazie all’utilizzo di resine termoindurenti in vinilestere con base epossidica restano elastiche e resistenti. 

A testimoniare questa resistenza troviamo la fibra più conosciuta nel settore motociclistico, realizzata dalla Dupont, il kevlar.

Utilizzato sotto forma di coperte anche dall’esercito Israeliano per far brillare gli esplosivi e attutire l’effetto della deflagrazione. 

Riassumendo:

Tutte le fibre, come dicevamo, sono conosciute per la loro leggerezza e resistenza, ecco perché rappresentano la soluzione migliore per noi motociclisti.

Comments

Leave your comment