×
Info legali

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di 'cookie'. Queste informazioni, che potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il tuo dispositivo internet (computer, tablet o dispositivo mobile), sono principalmente utilizzate per far funzionare il sito come ti aspetti. Puoi trovare ulteriori informazioni su come utilizziamo i cookie su questo sito e impedire l'impostazione di cookie non essenziali, facendo clic sulle varie categorie di seguito. Tuttavia, se lo fai, potrebbe influire sulla tua esperienza del sito e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Leggi la nostra Privacy

Tute in Pelle

By: Stefano Cariani In: Tute in Pelle On: Comment: 0 Hit: 220

Tuta in pelle, il miglior dispositivo di protezione per il motociclista.

La scelta della tuta in pelle è davvero molto delicata in quanto parliamo di un dispositivo di protezione passiva, comunemente utilizzato in ambienti Racing. Nell’articolo di oggi, affronteremo il primo capitolo di una serie dedicata a questo importantissimo capo di abbigliamento, parlando di processo produttivoscelta dei materiali e gestione della sicurezza.


PROCESSO PRODUTTIVO

Per scegliere la tuta in pelle più adatta alle nostre esigenze, occorre innanzitutto prendere in considerazione quello che riguarda il processo produttivo, tra cui spiccano la ricerca e lo sviluppo, i metodi di produzione e,  aspetto di fondamentale importanza, l’esperienza del costruttore.

  • Ricerca e sviluppo

Diverse aziende mettono a punto ogni anno nuove soluzioni che migliorano vestibilità e performance dei propri prodotti, li collaudano con i loro piloti e, solo una volta terminata questa fase, li inseriscono nella produzione di serie.

  • Produzione

In Italia, abbiamo aziende che sviluppano interamente tutte le proprie tute dal primo prototipo all’industrializzazione fornendo anche, in più del 90% dei casi, tutti i materiali, dalla pelle al tessuto interno, compresi zip e bottoni.

  • Esperienza

Ultima, ma di primaria importanza, è la valutazione dell’esperienza del costruttore: sarà bene valutare la presenza dell’azienda sul territorio e la sua esperienza nella fabbricazione di prodotti racing, oltre alla sua possibilità di testare e sviluppare le sue tute e i suoi materiali con piloti di MotoGp e Superbike.


MATERIALE

In genere, nelle grandi aziende esiste la figura del product manager, responsabile nella scelta dei materiali utilizzati e soprattutto della messa a punto dei pellami (lo spessore utilizzato nei capi odierni è di 1,2-1,4 mm), in base ad una equilibrata mescolanza tra performance e comfort.

Nelle aziende di alta qualità, è inoltre presente la figura di uno specialista si occupa direttamente della selezione del pellame e, recandosi direttamente in conceria, ne effettua il controllo. In seguito a queste operazioni, vengono eseguiti i test di laboratorio, che determineranno l’industrializzazione o meno del materiale precedentemente esaminato. 

Ma cosa guida la scelta della pelle?

Come anticipato, la scelta è guidata da un bilanciamento tra performance, ossia resistenza allo strappo e all’abrasione, e comfort, che si traduce in peso e morbidezza della pelle.


SICUREZZA

Per le aziende di qualità, il fattore sicurezza è parte integrante del processo produttivo e, di conseguenza, delle merci fabbricate, a partire dai protettori sempre di ultima generazione e omologati CE, che troveremo all’interno delle nostre tute, per arrivare ai materiali utilizzati, frutto della lunga esperienza in pista, e all’ergonomia dei capi, che permette agli utilizzatori finali, siano essi semplici appassionati o professionisti, di essere reattivi durante la guida.

Comments

Leave your comment